Blog

Curiosità, notizie locali, informazioni e suggerimenti su Favignana.




Favignana: meta gastronomica

"La farfalla sul mare", Favignana, così definita, non può che suscitare scalpore e meraviglia agli occhi dei turisti che la guardano e la vivono. Tra i molti pregi di un'isola da vip, pulita e civile, storica, movimentata e dalle acque trasparenti e cristalline, non poteva mancare la sua cucina, quella che i turisti amano perchè fresca e genuina. Anche la cucina è stata influenzata dalla storia tanto da riprendere nei piatti tipici favignanesi, anche l'influenza araba e spagnola. Non dimentichiamo l'ingrediente tipico a tutti gli effetti, il Tonno di Favignana che ha regnato per secoli nelle sue acque e nei suoi piatti. Ma nonostante il rito della pesca del tonno stia scemando in questi ultimi anni, si cerca di mantenere viva la storia e far conoscere anche ai turisti come vivevano tempo fa gli isolani con il rito della Mattanza del tonno. Grazie a quest'ultimo, Favignana diventa una meta, anche, gastronomica, nella quale si può gustare un delizioso piatto creato con prodotti tipici pregiati. Si tratta proprio della Bottarga, preparata con l’ovario del pesce le cui uova sono salate, pressate e stagionate secondo un processo tradizionale. I turisti, dunque, quando arrivano a Favignana, cominciano a scoprire anche i suoi sapori oltre alle sue vedute e ai suoi panorami ovvero la famosa cucina Mediterranea creata con semplici ingredienti, quali: pomodori, olive, pescato di giornata. Si possono gustare, infatti, diversi piatti: dalla Busiata al Pesto Trapanese fino al Trancio di Tonno Rosso Scottato, Cipolle Rosse in Agrodolce e Mollica di Pane Arrostita, tra i piatti del menù estivo 2016, spicca la classica Caponata di Melanzane, ma non solo. Un'isola dai mille sapori, colori e odori da vivere ogni giorno e a piccole dosi.     

(Le immagini appartengono ai rispettivi proprietari).


Social

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Articoli correlati

Guarda altri articoli riguardanti Antichi sapori


0 commenti

Commenta l'articolo